domenica 28 giugno 2015

Come fare la manutenzione e pulizia della lavatrice

pulire la lavatrice
Dopo aver parlato della lavastoviglie, oggi trattiamo la manutenzione e la pulizia della lavatrice. Partiamo da alcuni principi di base, che ci aiuteranno a mantenere la lavatrice nelle migliori condizioni e che dovremmo fare ad ogni lavaggio:

1) Usare la giusta dose di detersivo
Usiamo il detersivo per pulire i nostri abiti, ma un sovradosaggio di detersivo (e ancor di piu' di ammorbidente) porta all'accumulo di residui all'interno della lavatrice. E con interno non intendo solo il cestello, ma anche tutto l'interno che noi non vediamo. Questi depositi sono come un villaggio vacanze per batteri e muffe che cominceranno ad accumularsi su questi residui di detersivo. Fate attenzione alle istruzioni e seguitele con accortezza.  Io ad esempio metto sempre un po' meno del consigliato.

Inoltre attenzione alle polveri: se usate cicli corti e a basse temperature il rischio è che le polveri non si sciolgano e vadano anche esse a creare residui nella lavatrice. Detersivi e additivi in polvere costano meno, ma anche i cicli corti e a basse temperature fanno risparmiare. Fatevi i vostri conti e ricordate di preferire i detersivi liquidi per i lavaggi a basse temperature. 

2) Tenere aperto l'oblò.
Quando la lavtrice non  è in uso l'oblò dovrebbe sempre essere lasciato aperto, per evitare la proliferazione di muffe e batteri. Se possibile, sarebbe bene anche lasciare la finestra aperta una volta finita la lavatrice in modo che l'interno si asciughi meglio.

3) Asciugare l'interno e la gomma della guarnizione
Un'ottima abitudine per mantenere la vostra lavatrice pulita e profumata è quello di asciugare l'interno della lavatrice, l'interno dell'oblò e soprattutto la gomma della guarnizione ad ogni lavaggio. Per questo motivo io tengo sempre un panno in microfibra sopra la lavatrice, che uso a questo scopo (qui potete leggere come ho organizzato l'angolo lavanderia). La gomma della guarnizione è ad alto rischio per la proliferazione della muffa, perchè qui si fermano sempre residui di acqua, polvere, peli e capelli. Bello vero? Beh se lasciate li' queste cose e non asciugate subito il rischio è che inizino a proliferare le muffe e che la lavatrice puzzi.
Tutte queste cose sono molto noiose da fare, non c'è dubbio, ma considerate che è inutile arrovellarsi su quale sia il detersivo che lasci il miglior profumo sui vestiti, se poi andiamo a lavarli in un ricettaccolo di muffa!


Una volta al mese bisognerebbe fare un ciclo di pulizia piu' profonda della lavatrice. Io qui dico una volta al mese, ma sapete voi quanto spesso usate la lavatrice e quindi ogni quanto sentite la necessità di fare questa manutenzione. Se siete stati bravi e avete fatto le pulizie ad ogni lavaggio, la manutenzione mensile consiste di tre step:

1) Pulire la vaschetta dell'ammorbidente
In quasi ogni lavatrice si puo' completamente estrarre la vaschetta dell'ammorbidente. Se non sapete come si fa, consultate le istruzioni della vostra macchina. Io prima risciacquo la vaschetta sotto l'acqua corrente e poi la lascio in una bacinella con acqua e detersivo o acqua e bicarbonato. Poi con un vecchio spazzolino da denti (lo preferisco perchè gratto meglio nelle parti piccole rispetto alla spugnetta) gratto bene via i residui di ammorbidente ed eventuali patine che si possono essere formate. L'ammorbidente tende a lasciare davvero molti residui ed è per questo che bisogna fare molta attenzione a dosarlo in maniera corretta. Molti dicono di usare l'aceto bianco al posto dell'ammorbidente. Ho sentito pero' diversi tecnici della lavatrice che lo sconsigliano perchè corrosivo. L'aceto bianco ha molte proprietà, tra cui anche quella di fissare i colori e di anticalcare. Io non lo consiglierei ad ogni lavaggio, proprio per evitare un azione troppo aggressiva sulle parti interne della lavatrice. Io infatti lo uso solo quando voglio pulire la lavatrice, come descritto nel punto successivo.

2) Un ciclo a vuoto: diverse alternative
Una buona abitudine è quella di alternare lavaggi ad alte e basse temperature, per combattere accumuli di detersivo e batteri. Una volta al mese invece si consiglia di fare un lavaggio a vuoto, cioè senza vestiti e a 90 gradi. Si puo' usare acido citrico nel cestello, il problema per me è pero' reperire l'acido citrico e quindi a volte finisco per usare l'aceto bianco.

Un'altra alternativa è quello di fare un ciclo a vuoto anche a temperature basse ma mettendo un chilo di sale grosso nel cestello, per fare un bello scrub alla lavatrice.

Quando faccio questo lavoro di solito lo accoppio anche ad una buona pulita dell'esterno della lavatrice, tanto per fare un lavoro completo.

3) Pulire il filtro
In ogni lavatrice esiste un filtro che si puo' smontare e lavare. Se non sapete come fare, leggete le istruzioni della vostra macchina. Con la lavatrice spenta, smontate il filtro assicurandovi di mettere un panno/asciugamano/bacinella bassa sotto, perchè uscirà dell'acqua. Una volta smontato il filtro risciacquatelo prima sotto l'acqua corrente, se necessario lasciatelo in una bacinella con un po' di detersivo e spazzolatelo bene con uno spazzolino da denti. A questo punto potete rimontarlo.


E questo non è tutto, vi voglio lasciare qualche altro consiglio basato sulle mie disavventure con la lavatrice. Questi sono tutti consigli basati sulla mia esperienza: se avete un problema simile con la lavatrice potete provare a seguire questi consigli ma non è detto che non sia necessario chiamare un tecnico. Se non sapete come procedere nello smontare certi pezzi, consultate le istruzioni o chiamate un tecnico.

La lavatrice puzza?
1) Prima cosa da fare: controllare la guarnizione. Sicure di averla pulita bene? Se la vostra guarnzione è ricoperta di muffa, c'è un metodo urto. 

Attenzione: la candeggina non fa bene alla plastica della guarnizione, questo è un metodo urto, da fare solo in caso di grossa contaminazione con muffa. Non è un metodo di pulizia di mantenimento. Bagnate con la candeggina della carta assorbente da cucina (carta scottex), io ad esempio ho sempre della candeggina un po' diluita in uno spruzzatore che si puo' usare per bagnare bene la carta. Infilate lo scottex nella guarnizione, nel punto dove c'è la muffa e lasciatelo ad agire per circa due ore. Dopo questo tempo eliminate la carta e vedrete che la muffa se ne sarà andata via con la carta, se ci sono residui potete levarli con uno spazzolino da denti anche questo spruzzato con la candeggina. Risciacquate bene, usando piu' volte un panno bagnato con acqua e asciugate con un panno asciutto.

2) Da quanto tempo non avete pulito il filtro? Oltre a peli e capelli nelle varie scanalature del filtro c'è come una patina. Sapete cos'è`? Sono batteri...e puzzano! Non solo il filtro puzza, ma anche l'acqua che ristagna li'. E' per questo che il filtro andrebbe pulito regolarmente.

 3) Niente di tutto cio'? Forse il problema non si vede, procedete a fare un lavaggio a vuoto come consigliato.

La lavatrice perde acqua? Si è bloccata nel bel mezzo di un lavaggio?
Siete nel bel mezzo di un lavaggio e la lavatrice ha perso acqua? Oppure si è bloccata e non va avanti? A me è successo due volte ed entrambe era un problema di filtro.
La prima volta il filtro si era completamente otturato ed è cosi' che da giovane donna di casa alle prime armi ho scoperto l'esistenza del filtro della lavatrice. La seconda volta avevo imparato a tenere il filtro pulito, ma semplicemente un foglietto acchiappacolore era stato ingurgitato dalla lavatrice ed era finito ad otturare il filtro.
Prima di farvi prendere dal panico e chiamare qualcuno, provate a vedere che non basti pulire il filtro.
E se questo non è il problema, ahimè ne so quanto voi :)

La lavatrice non prende l'ammorbidente?
Questa non è successa a me ma a qualcuno di mia conoscenza. Finita la lavatrice, si accorgeva che l'ammorbidente era ancora nella vaschetta. Cos'era successo? L'acqua in ingresso non aveva abbastanza pressione e non riusciva a caricare l'ammorbidente. Il problema di pressione era dovuto al fatto si era otturato quel filtro o reticella che si trova nel tubo di ingresso della lavatrice. Bastava dargli una lavata ed era tutto a posto. Ve la racconto per informazione, se non sapete come smontare il tubo e pulire questo filtro, consultate le istruzioni della vostra macchina o chiamate un tecnico.


Infine un ultimo consiglio: avete presente le palline dosatrici? Preferite quelle in plastica morbida, soprattutto se il vostro carico non è troppo abbondante. Per quanto poco le palline in plastica dura daranno dei colpi all'interno della vostra lavatrice che alla lunga possono danneggiarne il tamburo. Stessa cosa vale per chi consiglia di usare una pallina da tennis quando si lavano piumini e coperte, in modo da avere un effetto migliore sulla centrifuga. Questa pratica è in realtà sconsigliata, per evitare di danneggiare il tamburo della lavatrice.

Buone pulizie a tutti!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...