mercoledì 18 marzo 2015

Come organizzare: i lavori domestici


organizzazione pulizie

Dal momento in cui andiamo a vivere da soli, in compagnia o in dolce compagnia inizia lo scontro titanico con i lavori domestici (prima si contribuisce ma non si gestisce). Non importa se li amiamo o li odiamo, non c'è scampo bisogna farli! Se siamo fortunate, avremo acquisito esperienza guardando ed aiutando i nostri genitori, finchè vivevamo con loro. Ciononostante i dubbi ci sono sempre: come faccio a fare questo? Com'è che faceva la mamma? Io ad esempio non so proprio cucire e pure a stirare sono proprio una frana.

La cosa che pero' spesso non ci viene insegnata è come organizzare i lavori domestici, come fare a gestire una casa. Quanto spesso dovremmo fare una certa cosa? Come fare a mantenere l'ordine? Ma soprattutto come fare a risparmiare tempo?

Già perchè molte delle nostre madri erano casalinghe, mentre ora sono poche le famiglie a potersi permettere di vivere con un solo stipendio. Quello che ci manca è il tempo: come fare a dividersi tra lavoro, figli e lavori di casa?

Negli anni ho sempre sognato che Mary Poppins scendesse col suo ombrello di fronte alla mia porta, per farmi vedere meglio quel trucchetto di schioccare le dita e canticchiare. Ma procediamo con ordine... (o meglio partiamo dal disordine).

il bello delle pulizie
dal film Disney "Mary Poppins"

La mia esperienza
Quando sono andata a vivere da sola, vivevo in un piccolo appartamento tutto per me. Ho imparato a gestire cose come le lavatrici, la spesa, i tempi della cucina e soprattutto la burocrazia, le carte, le bollette, etc. Pulivo regolarmente, ma la casa era un vero caos. Da vera nata disorganizzata la cosa non mi infastidiva. Quando passava qualcuno a trovarmi, buttavo tutto sul letto e chiudevo la porta della camera. La sera mi scavavo un angolo di letto per dormire e passavo anche giorni con il letto pieno di vestiti e cose a caso. Ora capite quando dico che davvero sono nata disorganizzata?

Poi è arrivato il mio ragazzo e ho capito che vivere in due in uno spazio ristretto richiedeva organizzazione. E che io mi dovevo dare una regolata sul serio. Ho cominciato a leggere su internet, ad ottimizzare gli spazi, a sforzarmi di tenere in ordine. Cosi' è cominciato il mio lungo percorso di disintossicazione dal disordine. 

Le cose sono migliorate, ma l'aumento dei lavori mi ha portato alla frustrazione di trovare il tempo per farli, alla frustrazione di rinunciare al weekend per fare i lavori di casa. Ho capito che non bastava aver imparato a fare i lavori di casa, bisognava riuscire ad organizzarsi per poterli fare in maniera efficiente. Pulire casa da cima a fondo è un lavoro ingrato, perchè neanche finito bisogna ricominciare. 

Alla ricerca di un metodo
C'era bisogno di trovare un metodo: non dovevo solo eliminare il disordine in casa, ma dovevo eliminare anche il disordine nella mia testa, che mi faceva avere l'approccio sbagliato alle pulizie. Come sempre mi sono rivolta ad internet. Ho scoperto cosi' Flylady e poi solo piu' recentemente Linda di Ordinata-mente. Non vi sto a spiegare nei dettagli e vi invito caldamente ad andare a visitare i loro siti. In ogni caso entrambi propongono un sistema di organizzazione delle pulizie fatto a zone: la casa è suddivisa in zone ed ogni giorno c'è un compito da svolgere nella zona di interesse, a cui si aggiunge una piccola routine giornaliera (solitamente di breve durata e concentrata in bagno e cucina) da seguire per il mantenimento generale. La mia spiegazione è davvero riduttiva, vi consiglio di leggerne di piu' se siete interessate.

Ho imparato molto da questi metodi, soprattutto su quali sono gli errori che ci fanno odiare/rimandare/mai completare le pulizie di casa.  Sono riuscita a seguire questi metodi? Neanche un po'... il problema è che con i miei tempi lavorativi non riesco a starci dietro. Parto alle sette e ritorno alle sette, quando arrivo a casa tra preparare la cena, il pranzo del giorno dopo, rassettare la cucina, lavarmi e magari passare un po' di tempo col marito...beh non c'è di certo il tempo per lavare per terra o fare grandi lavori (avevo già parlato qui della mia routine serale). 

Cercare di seguire i metodi delle altre a me ha portato solo frustrazione: ero costantemente indietro, mi sono ritrovata a dover fare nel weekend non solo le cose che avrei fatto normalmente ma anche tutte le cose in piu' che erano in queste liste. Con questo non voglio assolutamente dire che questi metodi non siano validi, anzi lo sono eccome, ho letto davvero decine e decine di testimonianze di persone che hanno visto la loro casa e la loro vita trasformarsi letteralmente. Semplicemente questa trasformazione non ha funzionato su di me, anche se ho imparato molto.

Come crearsi il proprio metodo
Qual è dunque la mia conclusione? Il mio consiglio è di provare questi metodi, carpirne i principi ma poi cercare di adattarli alle proprie esigenze, ai propri tempi, ai propri metodi.

metodo personalizzato organizazione pulizieCome procedere?
Io ho fatto una lista di tutti i lavori di casa che devono essere svolti, aggiungendo il tempo che ci si impiega a svolgerli (misurato con un timer) e talvolta anche qualche indicazione su come farli (per quelle cose particolari che non si fanno spesso). Poi ho riflettuto sulla frequenza di queste pulizie/lavori: ogni quanto devo lavare per terra? ogni quanto bisogna pulire il filtro della lavatrice o la cappa della cucina?
 
Dopo aver buttato giu' questa lista ho copiato ogni cosa in quattro liste:
- tutti i giorni
- tutte le settimane
- almeno una volta al mese
- una volta ogni tanto

Le mie liste le trovate descritte in quest'altro post.
Io non mi do nessuna indicazione piu' precisa in termini di quando: non dico il lunedi' faccio la polvere, il martedi' lavo per terra, perchè non so mai come sarà il mio lunedi', etc. Semplicemente ho una lista di cose che vanno fatte, quando le ho completate si ricomincia.

Scrivere quanti minuti ci impieghero' mi aiuta a capire se mi è possibile affrontare quella particolare mansione. E' un esercizio utilissimo, aiuta a rendersi conto che spesso ci mettiamo molto meno tempo a fare una certo lavoro di quel che pensiamo. Molto spesso infatti perdiamo piu' tempo a deciderci a iniziare a fare qualcosa che non vogliamo, del tempo effettivo per svolgere quel lavoro. Vedere scritto nero su bianco che bastano solo 15 minuti...puo' essere decisamente motivante ad alzarsi dal divano.

Vi lascio qui il file da scaricare e stampare per definire le proprie routine e riuscire a definire l'organizzazione dei lavori domestici.

Quando cliccate sul link, scaricate prima il file PDF sul vostro computer cliccando sul pulsante a forma di freccia che si trova in alto. La freccia è simile (non identica) a quella qui a destra. Una volta scaricato sul vostro computer, lo potete stampare. 

Prima di salutarvi, ho trovato il bello nelle pulizie? Quel poco di zucchero che fa andare giu' la pillola? Una casa pulita e ordinata ci fa stare bene. E' una forma di amore e di rispetto, nei confronti di noi stessi e della nostra famiglia. Per quanto possano essere noiose, non lamentiamoci: è come se facessimo una carezza alla nostra casa, alla nostra famiglia ed a noi stessi.

Buone pulizie a tutti!

3 commenti:

  1. Carissima Elisa, vorrei davvero ringraziarti per questo post e per la sincerità delle tue parole, per me è stato molto d'ispirazione perchè anch'io sono una disordinata e sto cercando un modo per darmi "una regolata", ne sento proprio il bisogno, ma come te i miei orari non mi permettono di seguire i metodi a zone proposti in giro.
    Questo, se vogliamo, è il mio secondo giro di consultazione di Internet alla ricerca di ispirazioni per cerca di riuscire a tenere la casa con quel minimo di ordine necessario e, ad essere franca, prima del tuo post mi sentivo proprio una fallita come casalinga perchè nessun metodo sembrava funzionare con me. Leggere le tue parole mi ha ridato fiducia, forse posso farcela anch'io!
    Ti ringrazio per aver condiviso la tua esperienza, consulterò senz'altro la tua lista e cercherò, se non di copiare il tuo metodo, di farlo mio secondo le esigenze.
    Grazie ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per le tue parole. Io sono sempre un po' in lotta con i lavori domestici... quello che a me ha cambiato tutto è fare mie alcune routine: sistemare la cucina, fare un po' di ordine e occuparmi regolarmente del bucato. Fare un pochino di queste cose ogni giorno per me fa veramente la differenza per rendere la casa presentabile. Per tutto il resto è piu'un "faccio quando ce la faccio" per cui faccio i lavori nel weekend e piu' o meno li faccio a rotazione in base alle esigenze. Prova a guardare agli schemi di base che ho creato per "pulito con P.O.C.O" se hai bisogno di un piccolo piano per organizzarti possono esserti utili perchè sono totalmente personalizzabili

      Elimina
  2. Ciao Elisa! Anche io sono una disordinata cronica .. In casa non ci sono mai, però ho due cani.. Il mio ragazzo mi aiuta la mattina uscendo i cagnolini, però che disordine!! Vivo in un piccolo appartamento e ho deciso di "segregare" le due bestioline in cucina, in modo tale da dover pulire giornalmente una sola stanza.. Prima erano libere e per me era impossibile. Una cosa che proprio non mi va giù è quella di piegare i panni.. Ti giuro è uno stress e spesso i vestiti restano lì dentro anche un mese intero.. Diciamo che ho fatto grandi progressi con L ordine della casa, ma la perfezione è ancora lontana, ma per me è impossibile anche perché torno da lavoro stanca.. Comunque parte dei problemi li ho risolti acquistando una lava asciuga che consuma poco, almeno non stendo più ! Grazie dei consigli, vedrai che ce la faremo!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...