martedì 12 giugno 2018

Decluttering di primavera: la scatola dei ricordi


Nota: decluttering significa eliminazione del superfluo (puoi approfondire qui). Con il termine "eliminazione" non intendo di buttare via, ma togliere da casa. Gli oggetti che "elimino" vengono sempre regalati (a meno che non siano irrimediabilmente rotti o, se applicabile, andati a male).

Concludo la mia serie del decluttering di primavera (puoi leggere il resto qui) con una delle cose più difficili da eliminare: i ricordi e la corrispondenza. Io non sono una persona troppo sentimentale, ma comunque faccio difficoltà a separarmi da certe cose. So che sono solo oggetti che non mi servono, che metterò in un angolo della soffitta e che sapere che sono lì non mi cambia niente. Però nel momento in cui sono di fronte alla spazzatura, buttarli mi sembra proprio orribile.

Perciò ecco, se cercate consigli su come buttare via tutto, non li troverete qui. Però non è neanche vero che non butto niente, anzi. Mi sono imposta una buona organizzazione, che ho in piedi da molti anni e che per me funziona.

La scatola dei ricordi

Io mi organizzo con una scatola, dove man mano raccolgo tutto quello che può essere definito come "ricordi e corrispondenza". Lettere, cartoline, biglietti, ma anche il menù del pranzo di matrimonio, la bomboniera, i biglietti di ingresso a cinema e musei, il ricordino del viaggio o di una festa, etc. A meno che non sia lampante che non mi interessa e allora si butta subito (tipo le sorprese dell'uovo di Pasqua, il biglietto del treno, etc...), il resto io lo ripongo nella scatola. Questa scatola la tengo in un armadio a muro, facilmente accessibile, in modo che quando queste cose mi capitano per le mani, posso facilmente riporle, senza fatica (così non mi restano in giro facendo confusione).

Capite subito che la scatola deve avere certe caratteristiche. La scelgo di un buon cartone robusto, un po' alta e che possa contenere comodamente lettere e biglietti. Tutto quello che non entra nella scatola, perchè non ci sta, deve per forza essere talmente bello che allora lo considero qualcosa da tenere in casa (come potrebbe essere un sopramobile o un oggetto utile, che quindi non è solamente un ricordo) oppure viene donato/eliminato. L'unica eccezione è stata per il matrimonio, la cui scatola era decisamente più grande (è quella nera della Nespresso, in basso nella foto) e dove quindi ho potuto inserire anche cose più voluminose.

L'archiviazione

Nei mesi tutte queste cose si accumulano nella scatola dei ricordi, fino a riempirla. Arriva il momento di fare la cernita e di solito faccio questo lavoro quando arrivo ad una scatola e mezza o due scatole piene. In questo modo, pur eliminando alcune cose mi assicuro di archiviare solo scatole davvero riempite fino all'orlo. Poi ci applico l'etichetta con la data del periodo coperto e posso portarla in soffitta.

Quando faccio la cernita seguo più o meno queste linee guida:

- la corrispondenza: tengo solo cartoline o biglietti significativi. Se c'è scritto solo "tanti auguri di buon natale" oppure "tanti saluti dal mare", non mi faccio problemi ad eliminare. In fondo il loro scopo di mandare un saluto o un augurio lo hanno già svolto al momento del recapito. Se invece c'è un messaggio più profondo, mi fa piacere tenerlo.

- le bomboniere: ormai sono considerate bomboniere cose molto diverse, alcune sono fatte per essere tenute ed altre no. Se la bomboniera ha uno scopo come può essere un sacchetto per profumare gli ambienti, una cosa da appendere all'albero, etc. allora non ha senso tenerla in questa scatola e io le metto subito in uso. Se sono oggetti senza scopo, se mi piacciono li tengo come decorazioni (e allora li metto dove tengo le decorazioni), se non mi piacciono vengono eliminati o solo eccezionalmente tenuti in questa scatola, nel caso siano proprio piccoli piccoli (e devo anche essere in grado di dire subito a che evento appartiene...o sparisce).

- memorabilia: piccoli souvenir di viaggio, i biglietti dei concerti, piccoli ricordini di una festa, cose di questo tipo. Se sono significativi e mi ricordano qualcosa di davvero speciale, le tengo. Se invece sono biglietti di un film che neanche mi è piaciuto troppo oppure non ricordo a che evento ho portato a casa questa roba...ecco che sparisce. 

Per me è molto importante far passare del tempo tra il momento in cui metto questi oggetti nella scatola dei ricordi e quello in cui ne valuto il valore. Solo in questo modo infatti posso dire se quell'oggetto mi evoca qualcosa di piacevole oppure non mi ricorda proprio niente. 

Project life e l'agenda-diario

Quest'anno ho iniziato a dedicare più tempo ai miei ricordi. In particolare alle fotografie. Per anni ho solo collezionato centinaia di fotografie digitali, che non riguardo quasi mai. Una volta invece facevo gli album e li guardavo spesso. 

Così ho deciso di cominciare a stampare le foto e fare degli album fotografici, seguendo un po' l'idea del Project life (che è un modo di fare gli album usando anche decorazioni, una forma di scrapbooking, se sapete cosa vuol dire).


La cosa bella di questo tipo di album è che non si raccolgono solo fotografie, ma anche tutti i souvenir come possono essere i biglietti di ingresso, mappe, etc. E' un modo creativo di fare gli album fotografici. Senza entrare nel dettaglio, vi mostro una pagina dell'album del viaggio di nozze (le stelle coprono i nostri dati), dove ho raccolto oltre ad alcune foto, anche scritte, biglietti e memorabilia vari.

Quest'anno sto usando la mia agenda Happy Planner (potete vederla qui), sia per segnare appuntamenti, dati, etc, ma anche come diario personale. Non è un diario in cui scrivo chissà quali riflessioni (non è come quando tenevo il diario da adolescente), ma in pochissime righe descrivo un po' la mia giornata e il mio umore. Questo tipo di agenda è fatta anche per questo ed è pensata anche per tenerci fotografie e memorabilia.

Quando preparo queste pagine so di trovare il materiale che mi serve all'interno della scatola (così non stanno in giro aspettando che io abbia il tempo per dedicarmi a queste cose).

Ho scoperto che è un passatempo creativo piuttosto carino, anche per una come me che è proprio una frana con tutto ciò che è artistico e creativo. Se la cosa vi interessa posso parlarne in maggior dettaglio.

E voi? Come vi comportate con i ricordi? Buttate o tenete tutto?
Buon decluttering a tutti!

3 commenti:

  1. ciao, innanzitutto complimenti per il tuo blog, una perla rara in rete per quanto riguarda l'organizzazione. io per quanto riguarda i ricordi faccio come te una scatola, piuttosto capiente (in particolare in cartone, dell'ikea) dove ripongo mano a mano gli oggetti riguardanti un evento o un viaggio. butto di solito i biglietti dei mezzi, mentre tengo biglietti di concerti o musei, oggettini, mappe e depliant vari. dopo un po' di tempo anche di questi faccio una cernita. gli album di foto sono un discorso a parte, le foto più significative non le tengo solo in formato digitale ma le stampo e metto in un album, proprio perchè in digitale se no va a finire che non si riguardano mai più. vorrei chiederti, magari come spunto per un successivo post, come organizzi gli scontrini, sia fisici che degli acquisti online? grazie mille, Giulia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao giulia,
      grazie mille per i complimenti. Per gli scontrini digitali li salvo in una cartella, dove salvo anche tutte le cose relative ai pagamenti delle bollette. Per gli acquisti fisici: se lo scontrino è quello della spesa o del bar, li butto (faccio la contabilità direttamente dal rendiconto mensile della banca, dato che io pago praticamente sempre e solo con la carta). Nei casi in cui lo scontrino fa da garanzia ti reinvio a questo post: http://natadisorganizzata.blogspot.com/2014/11/come-organizzare-istruzioni-e-garanzie.html

      Elimina
    2. per dovere di completezza: se l'acquisto fisico è di valore, di solito anche scannerizzo lo scontrino (perchè spesso sbiadiscono).

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...